Usa. Pranzai vicino a Biden, è un signore. Ma per governare avrà bisogno di molta fortuna

E’ tanto arduo prevedere le conseguenze economiche dell’avvento di Biden quanto facile osservare che un quadriennio di economia in crescita negli USA prelude, quasi automaticamente, a un secondo mandato del presidente in carica, regola di cui potremmo

trovare conferma anche nella caduta di Trump, contestuale non a caso ai problemi economici causati dalla pandemia. Da sottolineare, in primo luogo, è che il margine di manovra di Biden  in ogni campo è stato ampliato dallo sdegno per l’assalto a Capitol Hill (la prova più esplicita di quanto sia stato madornale l’errore di Trump al riguardo consiste nell’articolo apparso l’8 gennaio scorso sul Wall Street Journal, un giornale repubblicano che l’aveva sempre sostenuto a spada tratta e che ora

Continua a leggere “Usa. Pranzai vicino a Biden, è un signore. Ma per governare avrà bisogno di molta fortuna”

Usa, scrive Trump sulla schiena di un lamantino. Taglia di 5mila dollari sull’autore

“Ecoterrorismo”, “brutalità”, “maltrattamento animale”, “chi ha potuto farlo?” e “non posso crederci” sono alcuni tra i non pochi commenti riferibili lasciati sui social network dai lettori di una notizia a sfondo politico che arriva dagli Usa.

Qualcuno, in Florida, ha inciso sulla schiena di un lamantino, una specie di tricheco in via d’estinzione, la scritta “TRUMP” in caratteri maiuscoli. Una taglia di cinquemila dollari è stata promessa a chiunque individui il responsabile dello sfregio.

Continua a leggere “Usa, scrive Trump sulla schiena di un lamantino. Taglia di 5mila dollari sull’autore”

Usa, John Biden vince il collegio elettorale. Finisce l’era tragicomica di Donald Trump

di Mariangela Maritato

John Biden ha vinto il collegio elettorale. Gli elettori dei sei stati campo di battaglia contestati dalla campagna Trump hanno tutti votato per il candidato democratico nominandolo ufficialmente prossimo presidente degli Stati Uniti,

Continua a leggere “Usa, John Biden vince il collegio elettorale. Finisce l’era tragicomica di Donald Trump”

La povertà reale e quella sommersa. La pandemia aiuta a combattere il lavoro nero

di Paolo Pagliaro

Per contenere i danni da coronavirus, l’Italia è il paese che, in percentuale sul Pil, ha speso di più. Sommando garanzie e prestiti, differimenti fiscali e sostegno diretto ai lavoratori, alle

imprese e alla sanità, ha speso molto più degli Stati Uniti, del Canada, della Francia, del Regno Unito. Secondo l’Ocse, sei volte più degli Stati Uniti per quanto riguarda ad esempio i prestiti a imprese e professionisti. Solo la Germania ha impegnato cifre analoghe alle nostre. Ma questo grande sforzo, che porterà il debito pubblico a rompere gli argini, in Italia non trova un corrispettivo adeguato nelle condizioni di vita delle famiglie.

Continua a leggere “La povertà reale e quella sommersa. La pandemia aiuta a combattere il lavoro nero”

Der Spiegel boccia Trump. Per il magazine l’ex presidente è “il perdente dell’anno”

Negmi stessi giorni in cui Joe Biden e Kamala Harris sono incoronati persone dell’anno dal Time, arriva la


provocazione di Der Spiegel che bolla Donald Trump come il “loser of the year”, il perdente dell’anno.

Continua a leggere “Der Spiegel boccia Trump. Per il magazine l’ex presidente è “il perdente dell’anno””

Che beffa per Trump. “Regala” voti in più a Biden nella contea di Milwaukee

Oltre al danno la beffa! La continua campagna elettorale di Donald Trump, che proseguirà – salvo imprevisti,

fino al prossimo 2024, sta costando molto caro e sempre più a suo sfavore. Il riconteggio dei voti richiesto dall’ex presidente rivela sempre di più la sua sconfitta, ma, nell’ultimo caso, anche una grossa beffa: ha pagato 3 milioni di dollari per dare 257 voti in più al neo presidente, Joe Biden, allungando la sua vittoria. La contea di Milwaukee, che conta circa 947 mila abitanti (non tutti votanti,

Continua a leggere “Che beffa per Trump. “Regala” voti in più a Biden nella contea di Milwaukee”

Joe Biden è il nuovo presidente degli Stati Uniti d’America. Ma Trump non ci sta

Joe Biden è stato eletto presidente degli Stati Uniti secondo la Cnn, la prima a sancire la vittoria del candidato democratico nelle elezioni 2020. Dopo l’annuncio della Cnn sono arrivati quelli dell’AP e della Nbc. Secondo le proiezioni, Biden può contare su 273 voti elettorali dopo la conquista dei 20 voti della Pennsylvania.

Biden, 46esimo presidente degli Stati Uniti, stava trascorrendo la mattinata nella casa di famiglia a Wilmington, nel Delaware, quando la ‘Cnn’ lo ha annunciato come vincitore delle elezioni.

Continua a leggere “Joe Biden è il nuovo presidente degli Stati Uniti d’America. Ma Trump non ci sta”

Caso Google: antitrust e tasse da pagare. Ma c’è un giudice anche a Roma?

di Michele Mezza

La grande proletaria si è mossa, avrebbe commentato Giovanni Pascoli.  La discesa in campo della procura generale americana, che a Washington svolge anche funzione di controllo anti trust, contro

Google, apre uno scenario nuovo non solo nelle relazioni con i giganti della Silicon Valley , ma più in generale proprio nel ruolo degli stati e segnatamente di quello americano, non senza forse anche clamorose conseguenze nel nostro paese, in tempi di pandemia.
Proprio come Pascoli coglieva nei fremiti colonialisti del giovane stato italiano, nella sua prima uscita sullo scacchiere mediterraneo nel 1911, quando salutava l’impresa libica

Continua a leggere “Caso Google: antitrust e tasse da pagare. Ma c’è un giudice anche a Roma?”