No, per me non è un anno da scordare. Sono diventata mamma, è un dono, una gioia

No, per me non sarà un anno da dimenticare. Non pensavo più di diventare madre, men che meno nel pieno di una pandemia. Fantascienza, avrei detto poco più di un anno fa. E invece, contrariamente a ogni previsione, lei, mia figlia, ha deciso di venire al mondo nell’anno più

Continua a leggere “No, per me non è un anno da scordare. Sono diventata mamma, è un dono, una gioia”

Nel mio album metto dentro la speranza di un domani, certamente diverso, ma migliore

di Fausto Sposato

C’è, durante l’anno,  un momento in cui provi a tracciare un bilancio di ciò che è stato fatto e cerchi,  confusamente, di  racchiudere, quanto accaduto, in pochi fotogrammi.

Non è un lavoro semplice perché tendi sempre a volerti portare dentro di tutto e di più, ma la scelta è obbligata e deve ridursi a pochi scatti. Certo nessuno poteva immaginare, dopo un inizio di anno tranquillo, di dovere fare i conti con una tragedia così grande, sotto ogni aspetto. Ma non si può  rinunciare a vivere solo perché un maledettissimo essere piccolissimo ha deciso di ingerirsi nella vita di tutti noi. La prudenza e l’attenzione devono essere al massimo ed il rispetto delle regole ha evitato che tutto precipitasse.

Continua a leggere “Nel mio album metto dentro la speranza di un domani, certamente diverso, ma migliore”

Vacanze finite: come ricordo, un italiano su cinque, ha pubblicato foto di mangiare

Il ricordo social più gettonato delle vacanze è il food selfie con un italiano su cinque (20%) che ha postato agli amici e conoscenti o sui social fotografie dei piatti consumati a casa o al ristorante durante le vacanze estive.

È quanto emerge da una analisi Coldiretti/Ixè in occasione della settimana che segna il rientro dalle vacanze per la stragrande maggioranza degli italiani.

Continua a leggere “Vacanze finite: come ricordo, un italiano su cinque, ha pubblicato foto di mangiare”

Incomincia la scuola, come ogni anno. Sarà sempre uguale a sé stesso?

di Massimo Veltri

Per quante fotografie ci siano in giro, non poche, nessuna serve a darmi una se pur pallida idea di chi fossero stati nel tempo i miei compagni di banco.

Nessuno, non me ne ricordo nessuno, né se fossero gli insegnanti a scegliere e con quale criterio o noi in base a qualche alchimia casuale.

Continua a leggere “Incomincia la scuola, come ogni anno. Sarà sempre uguale a sé stesso?”

Il ricordo positivo di Salerno, della sua gente. E del suo particolare slang

di Bruno Gemelli

La Campania è una terra simpatica, accogliente e creativa. Tanto da suscitare sempre nuovi stimoli, curiosità per le mille sfaccettature che possiede e che trasmette senza eccessivi

Salerno, piazza della Concordia

fronzoli. Quella parte che ho visitato negli anni è stata a macchia di leopardo, affidata al caso.

Continua a leggere “Il ricordo positivo di Salerno, della sua gente. E del suo particolare slang”