Lamezia 2003-2007. Un legame professionale e amicale che resiste. La città? Merita altro…

Il bello di poter gestire autonomamente o quasi un sito, è quello di poter scegliere argomenti e persone a cui chiedere commenti. Sono iscritto all’albo dei giornalisti da settembre 2000

ma pratico la professione, tra collaborazioni pagate e vita in redazione in nero, da oltre 30 anni. Si dice che giornalisti si nasce. E come disse il grande Totò, ritengo che io “lo nacqui”. Con questo, non voglio dire che sia un grande cronista o un bravo reporter oppure una prima firma. Anzi, si va avanti facendo casino col Casinista. Però, alcuni successi non sono mancati: per esempio, risultare tra i top Blog col Casinista per due

Continua a leggere “Lamezia 2003-2007. Un legame professionale e amicale che resiste. La città? Merita altro…”

Le carte del destino si sono mescolate ed è stato subito caos

di Nicoletta Toselli

Puoi essere la prima e l’ultima pagina della storia del mondo.  Mi sono resa conto che questo 2020 stia finendo fra chiusure e aperture, ansie e preoccupazioni, speranze e terribili realtà.

Quanto tempo è passato dall’ultima trasmissione in radio a fine febbraio dove lanciai un appuntamento ai radioascoltatori: ci vediamo lunedì! Ho avuto comunque un ruolo attivo nella divulgazione di notizie, una specie di terrazza privilegiata su cui potermi affacciare per conoscere meglio la situazione, sono stata come tutti separata dalle altre persone, dalle attività quotidiane. Questo passaggio all’inizio ha procurato in me una profonda trasformazione, da spettatore a partecipante. Con il tempo ho scoperto come sia stato soprattutto un fatto mentale in cui in realtà alla fine mi sono scoperta più ricettiva, con i sensi allertati. Ci avevano privato del piacere della pausa, di quel tempo sottratto agli affanni della

Continua a leggere “Le carte del destino si sono mescolate ed è stato subito caos”

Data Journalism: il futuro era già qui, ma ancora non ce ne siamo accorti

di Andrea Fama

«Non credo che vi sia stato un momento specifico in cui mi sono detto “oh, ma questo è data journalism” – (Charles Arthur, The Guardian)». Il giornalismo così come lo conosciamo sta attraversando una lunga, salutare fase di

crisi – economica, ma a tratti anche di identità. Salutare perché se da un lato comporta licenziamenti, chiusura di testate anche storiche, abbassamento della qualità del prodotto giornalistico, dall’altro ingenera (soprattutto grazie alle opportunità tecnologiche a disposizione) un naturale, conservativo istinto di evoluzione, innovazione, rivoluzione, come spesso si sente dire in occasione dell’ingresso di questo o quel social network nell’arena dell’informazione.

Continua a leggere “Data Journalism: il futuro era già qui, ma ancora non ce ne siamo accorti”

Delitti d’estate, crimini stagionali che non devono diventare spettacolo

di Letterio Licordari

Secondo Pierfrancesco Diliberto, scrittore, attore e regista palermitano noto al pubblico con lo pseudonimo “Pif”, “la mafia uccide solo d’estate”.

E’ questo il titolo di un film (divenuto poi una serie tv per la Rai) del 2013, nel quale vicende personali dei protagonisti si intersecano agli omicidi eccellenti in Sicilia negli anni dell’escalation della mafia. Morirono d’estate,

Continua a leggere “Delitti d’estate, crimini stagionali che non devono diventare spettacolo”

La mia vita è a Roma ma il cuore batterà sempre in direzione sud: la Calabria

di Alessandra Moraca

Cosenza, 14 ottobre 2009. “Pronto, signora Moraca, è disponibile a prendere una supplenza di quindici giorni su posto comune in zona Prenestina a Roma?”. Mi agito, mi sorprendo. È l’epoca del ministro Gelmini e dei tagli indiscriminati alla scuola.

I precari storici faticano a ottenere gli incarichi, i giornali non parlano d’altro, e io non sono nemmeno una docente.

Continua a leggere “La mia vita è a Roma ma il cuore batterà sempre in direzione sud: la Calabria”

Lavoro e social: fregatevene della qualità tanto contano soltanto i like

di Adriana Martinotti 

Quanto la realtà dell’informazione, dell’editoria e della condivisione di contenuti corrisponde a questa riflessione che Bill Gates fece nel 1996? 

La situazione attuale si riassume nell’affermare l’esatto contrario: “fregatevene della qualità tanto contano i like”. 

Continua a leggere “Lavoro e social: fregatevene della qualità tanto contano soltanto i like”