Patrimoniale e fake news. Il terrorismo mediatico, sport bipartisan, colpisce ancora

di Letterio Licordari*

Il terrorismo mediatico è diffusissimo, purtroppo. Uno sport nazionale che coinvolge professionisti e dilettanti. I social hanno notevolmente contribuito alla diffusione di questo

virus che colpisce cervello e…pancia. Si, perché quando si ragiona, o meglio, si induce a ragionare di pancia, si fa presa sulla gente. Naturalmente, il terrorismo mediatico è “bipartisan” (per una sorta di “par condicio”…), ma negli ultimi tempi, oltre al tiramolla (cinico) sul covid (apertura si, apertura no, alla Elio e le storie tese…) e alla gravità

Continua a leggere “Patrimoniale e fake news. Il terrorismo mediatico, sport bipartisan, colpisce ancora”

L’epidemia delle “fake news”: come orientarsi in questo mare magnum di disinformazione

di Adelaide Conti

Nel saggio Consumati: da cittadini a clienti (Einaudi, 2010), il politologo Benjamin Barber analizza a lungo l‘ideologia infantilistica che permea questa fase storica. L’autore sostiene che l’infantilizzazione sia diventata

il motore più importante della nostra società degli ultimi decenni. Questa considerazione trova la sua più chiara verifica se si considera che nel corso degli ultimi trent’anni si è cercato in tutti i modi di abbassare la soglia dell’età del consumo e di infantilizzare il mondo adulto. Il politologo americano evidenzia innanzitutto come “un meccanismo tipico dei processi colonialistici e migratori, fondamentali per lo sviluppo delle dinamiche mercantili,

Continua a leggere “L’epidemia delle “fake news”: come orientarsi in questo mare magnum di disinformazione”

Pandemia, regna sovrana la “Infodemia”: ossia l’ossessione dei populista di sapere tutto

di Massimo Nava

Se dico che dopo la pioggia tornerà il sole, esprimo una speranza e una banalità. Ma se scrivo “la quiete dopo la tempesta” (copyright Leopardi) sarà considerato uno dei grandi poeti italiani. Se affermo che il Plaquenil è

un ottimo farmaco per i reumatismi, entro nella categoria dei medici di fiducia. Se lo annuncio come il rimedio più efficace contro il Covid 19, divento una star più famosa di Bocelli e le farmacie si svuotano di Plaquenil.

Viviamo uno momento di smarrimento. L’epidemia ha messo in discussione  un’idea di continuità illimitata del progresso sociale, scientifico e biologico, esteso ad aree sempre più ampie dell’umanità. Siamo costretti a riflettere sulle nostre fragilità di esseri umani, di habitat, della scienza e della medicina.

Continua a leggere “Pandemia, regna sovrana la “Infodemia”: ossia l’ossessione dei populista di sapere tutto”

Facebook censura e chiude le pagine di giornalisti italiani e starnieri: è spam

di Angelo Russomando

Le pagine, i post pubblicati anche sui profili dei giornalisti d’ora in poi verranno etichettati con ‘Fake News’ , ‘Spamming’ oppure censurati o bloccati del tutto. La censura alla libertà di stampa è da anni che su Facebook viene applicata, ma adesso ha passato il metro e la mala misura.

Continua a leggere “Facebook censura e chiude le pagine di giornalisti italiani e starnieri: è spam”

La più antica fake news sui felini: i gatti affezionati solo alla casa e non al proprietario

di Barbara Sortini

I gatti sono animali popolari in tutto il mondo e uno dei motivi della loro popolarità risiede nella convinzione che i gatti possano essere lasciati soli per lunghi periodi senza soffrire di solitudine .

Di solito chi decide di scegliere un gatto per questo motivo  cambia rapidamente idea , accorgendosi invece di avere con sé un compagno di vita che ritiene la nostra presenza importante ( non solo per aprire le scatolette) ed appagante , sapendo comunicare molto bene questo tipo di sentimenti.

Continua a leggere “La più antica fake news sui felini: i gatti affezionati solo alla casa e non al proprietario”

Fake news, i rischi nella rete e lo sciacallaggio per cercare profitti

di Margherita Corriere

Il pericolo delle fake news –  in italiano  notizie false – sta proprio in quella loro caratteristica di larvata pericolosa  verosimiglianza;

si fondano su fatti e dati inesistenti e messi volontariamente in circolazione da fonti inaffidabili, che dalla loro diffusione ottengono un qualche tipo di  profitto.