Informazione: si straparla del commissario alla sanità della Calabria. Ma le altre notizie?

di Paolo Pagliaro

Da settimane ormai tiene banco la questione del nuovo commissario alla sanità della Calabria. Per molti media il tema merita la stessa attenzione riservata ai grandi fatti dell’attualità, come gli sviluppi del contagio

o l’elezione di Biden. E’ un’evidente distorsione cognitiva. Nessuno, tranne forse i calabresi, fino a ieri conosceva il nome del commissario regionale alla sanità né si preoccupava di conoscerlo, così come pochi, in Italia, saprebbero dire come si chiamano o si chiamavano i commissari delle altre regioni. Già, perché la questione non riguarda solo la Calabria. Ci sono un commissario e un sub commissario anche per la sanità del Molise, e ci sono dal 2009!

Continua a leggere “Informazione: si straparla del commissario alla sanità della Calabria. Ma le altre notizie?”

Calabria: covid governo ladro. Tutti contro tutti, aperta la campagna elettorale

di Graziella Algieri

Rai tre e il suo bravo giornalista,  Walter  Molino , “rivela” ai calabresi l’inefficienza, l’incompetenza, l’immobilismo della sanità calabrese.

Certo ascoltare Cotticelli e il Direttore U.O.C. Spoke Corigliano – Rossano,  P. Carino, è stato esilarante e il sentimento di  vergogna mi ha sopraffatto come cittadina Calabrese.   Balbettano entrambi, Cotticelli e Carino, si arrampicano sugli specchi e ne dicono di corbellerie ma talmente tante da essere notati,

Continua a leggere “Calabria: covid governo ladro. Tutti contro tutti, aperta la campagna elettorale”

Povera Calabria. I grillini: no a Mostarda commissario per la sanità. Si tratta per Miozzo

di Francesco Gro

Ennesimo flop per la nomina di commissario straordinario alla sanità calabrese. Quando sembrava che fosse fatta per Narciso Mostarda, è arrivato il niet dei grillini.

Perché? Semplice, hanno visto in Mostarda una scelta politica, dato che l’ex manager dell’As Roma 6 è stato assessore in quota Pd a Frosinone. Roba da fare impallidire, un atto scriteriato e scellerato. Che priva ancora la regione più disastrata d’Italia di un responsabile della sanità. Ossia di colui che dovrebbe mettere apposto un comparto che fa acqua da tutte le parti. Il Movimento Cinque stelle se ne assumerà le responsabilità per questo irrigidimento, poiché in piena pandemia non si può giocare sulla pelle dei cittadini.

Continua a leggere “Povera Calabria. I grillini: no a Mostarda commissario per la sanità. Si tratta per Miozzo”

Calabria e sanità: arriva Gino Strada, schiaffo al facente funzioni Spirlì. Plauso ai grillini

di Astolfo Perrongelli

Una mezza Strada, la Calabria sembra averla imboccata. Il leader di Emergency, Gino Strada

ha raggiunto un accordo di massima per dare una sistemata alla sanità calabrese. Ci sarà naturalmente un commissario straordinario a ricoprire il ruolo di burocrate, il cui nome si conoscerà a breve. Intanto, nella sua pagina Facebook, Gino Strada ha spiegato che  “abbiamo definito un accordo di collaborazione tra EMERGENCY e Protezione civile per contribuire concretamente a rispondere all’emergenza sanitaria in Calabria.

Continua a leggere “Calabria e sanità: arriva Gino Strada, schiaffo al facente funzioni Spirlì. Plauso ai grillini”

Un destino crudele, cinico e baro. Una costante per la nostra terra: ciao Jole Santelli

di Bruno Gemelli

«Non ce la faremo mai», ha scritto con semplicità una persona saggia che riflette sul vissuto e sul presente. Si riferiva alla Calabria, terra amara, al suo destino cinico e baro, che ora è orfana del suo Presidente.

La morte di Jole Santelli appare come la metafora della Calabria. Troncata. Sempre in bilico sull’orlo del precipizio, sempre sofferente, sempre in ginocchio. Prendete l’undicesima legislatura che ora si chiuderà anticipatamente.

Continua a leggere “Un destino crudele, cinico e baro. Una costante per la nostra terra: ciao Jole Santelli”

Covid: Calabria bollino verde ma i nuovi posti di terapia intensiva ancora non si vedono

di Rino Muoio

Per l’Ecdc, l’agenzia europea per la prevenzione e il controllo delle malattie, la Calabria rientra nel piccolo gruppo delle aree d’Europa al di sotto della soglia critica per la diffusione del Covid, meritandosi uno dei bollini verdi,

assieme ad alcune regioni della Norvegia, della Finlandia e della Grecia. Sul piano organizzativo, però, i dati non sono altrettanto lusinghieri, sia in relazione all’aumento dei posti di terapia intensiva, sia a quello delle nuove assunzioni di sanitari specializzati e sia per quanto riguarda la dotazione di ambulanze. Ma procediamo per ordine. In effetti la nostra regione, anche in questi giorni caratterizzati dalla cosiddetta seconda ondata, continua ad essere di gran lunga

Continua a leggere “Covid: Calabria bollino verde ma i nuovi posti di terapia intensiva ancora non si vedono”

“Calabria, terra mia”. Quella surreale sviolinata retrò che fa discutere

di Alessandro Vignieri

Premessa doverosa è quella di valutare la qualità dell’ultimo spot estraniandosi da tutto quello che è il contesto politico che lo ha voluto, pertanto non bisogna farselo piacere per la cronaca recente che ricorda la scomparsa

del Presidente Santelli, né tanto meno si deve valutare negativamente per il solo fatto di non sentirsi rappresentati politicamente. Qui, però un appunto politico-economico lo si deve fare: il costo del prodotto promozionale in questione è di circa 1,7mln di euro. “Spiccioli”, direbbe qualcuno…“con 30mila lire il mio falegname la fa meglio!” direbbe qualcun altro.

Continua a leggere ““Calabria, terra mia”. Quella surreale sviolinata retrò che fa discutere”

Voto in Calabria. C’è pure Antonio Albanese tra vittorie al fotofinish e percentuali bulgare

di Letterio Licordari

Se le analisi politiche (ammesso che per le comunali si possano fare delle valutazioni di tale natura, considerata la massiccia presenza di liste civiche) portano a un diverso tenore interpretativo sul comportamento degli elettori,

tenuto conto che in Calabria si è votato solo per il referendum (impropriamente riferito al “taglio dei parlamentari”, come se si trattasse di selezionare filetti, controfiletti e girelli) e per le amministrative in ben 71 comuni (di cui 18 nella provincia di Cosenza, 5 nel crotonese, 16 in provincia di Catanzaro, 11 nel vibonese e 21 nella provincia di Reggio Calabria).

Continua a leggere “Voto in Calabria. C’è pure Antonio Albanese tra vittorie al fotofinish e percentuali bulgare”