Dopo Trump è dura ma Biden lavora sodo. La Harris ha chance. L’Italia cambia poco con Draghi

Fino a qualche mese fa, poco prima della cambio al vertice del governo italiano, non c’era giornale, rivista, radio oppure online, che non si occupasse inizialmente delle elezioni americane di novembre 2020. Poi, dell’attacco da parte dei sovranisti legati a Trump, a Capitoll Hill. E, infine, del passaggio di consegne tra lo stesso Trump e il vincitore delle elezioni, Joe Biden.

Continua a leggere “Dopo Trump è dura ma Biden lavora sodo. La Harris ha chance. L’Italia cambia poco con Draghi”

Crisi di governo e mandato esplorativo: una consuetudine che va da Merzagora a Fico

Crisi di governo e mandati esplorativi. Una consuetudine che il presidente della Camera, Roberto Fico già conosce. Infatti, il 18 aprile 2018 il presidente della Repubblica Mattarella diede un mandato esplorativo “circoscritto” alla presidente Casellati, nel senso che doveva

Continua a leggere “Crisi di governo e mandato esplorativo: una consuetudine che va da Merzagora a Fico”

Lamezia 2003-2007. Un legame professionale e amicale che resiste. La città? Merita altro…

Il bello di poter gestire autonomamente o quasi un sito, è quello di poter scegliere argomenti e persone a cui chiedere commenti. Sono iscritto all’albo dei giornalisti da settembre 2000

ma pratico la professione, tra collaborazioni pagate e vita in redazione in nero, da oltre 30 anni. Si dice che giornalisti si nasce. E come disse il grande Totò, ritengo che io “lo nacqui”. Con questo, non voglio dire che sia un grande cronista o un bravo reporter oppure una prima firma. Anzi, si va avanti facendo casino col Casinista. Però, alcuni successi non sono mancati: per esempio, risultare tra i top Blog col Casinista per due

Continua a leggere “Lamezia 2003-2007. Un legame professionale e amicale che resiste. La città? Merita altro…”

Si chiamano “Europeisti” i gruppi a sostegno di Conte. Scacco matto a Renzi?

C’era chi pensava che fosse tutto finito. Che Conte se ne sarebbe tornato nella sua Puglia. Insomma, che l’avrebbe spuntata il rottamato Renzi. Invece, ecco la notizia. O meglio la conferma:

si chiama ‘Europeisti Maie-Centro Democratico’ il gruppo al Senato dei ‘responsabili’ per sostenere il governo Conte ter. E’ stata raggiunta, dunque, la decima firma. Poi è la volta di quello della Camera. I ‘papabili’ componenti della nuova formazione centrista si sono riuniti in un ‘luogo neutro’, non a palazzo Madama, Nella gestazione del gruppo si è parlato di ‘tre sorprese’, ovvero di tre nomi considerati ‘insospettabili’. La nascita delle nuove formazioni

Continua a leggere “Si chiamano “Europeisti” i gruppi a sostegno di Conte. Scacco matto a Renzi?”

Il governo reintroduce l’Iva sul prezzo delle mascherine. Un provvedimento inatteso

La scoperta è avvenuta così per caso, certamente inattesa. Di che si tratta? Arcuri, Conte, Speranza e soci, hanno rimesso l’iva sul prezzo delle mascherine. Sì, non è una baggianata.

È rimasto basito persino il responsabile della parafarmacia quando ho acquistato un pacchetto di mascherine e ha notato qualcosa di strano. Dunque, il governo su tutti i tipi di sistemi di protezione contro il covid, ha piazzato un carico del 5% sul prezzo base. Ossia, invece di costare 50, ora, le mascherine chirurgiche dovrebbero costare 52 centesimi. Comunque, difficile che farmacie,

Continua a leggere “Il governo reintroduce l’Iva sul prezzo delle mascherine. Un provvedimento inatteso”

La stampa estera asfalta Matteo Renzi. “Agisce solo per interessi personali, è irresponsabile”

In Italia a sostenerlo qualcuno lo ha trovato. Consapevole che, se si andasse a votare in caso di caduta del governo Conte, Italia Viva scomparirebbe dallo scenario politico nazionale.

Ma all’estero che visione hanno di Matteo Renzi e delle sue boutade? Un flop o meglio ancora un ciarlatano. Ecco, comunque, alcuni importanti giornali stranieri che hanno trattato in questi giorni dell’ex segretario dem. In primis si ipotizza che la mossa di Renzi sia spinta solamente dalla tutela di interessi personali. Il Financial Times qualche giorno fa commentava quanto sta succedendo in Italia senza utilizzare mezzi

Continua a leggere “La stampa estera asfalta Matteo Renzi. “Agisce solo per interessi personali, è irresponsabile””

La lingua più sensuale del mondo? L’italiano batte tutti gli altri idiomi

di Astolfo Perrongelli

Un nuovo studio di Preply, una delle principali piattaforme di apprendimento online al mondo, rivela quali sono le lingue più attraenti.

E l’italiano si accaparra questo primato. Il test è basato sulla frequenza cardiaca. “Le lingue con molte consonanti impilate in quelli che sono chiamati gruppi di consonanti sono percepite come non musicali. – afferma  Aleksandra Stevanovic, linguista e traduttrice con una laurea in lingua svedese e letteratura scandinava – questi tipi di lingue che includono le lingue slave e il tedesco,

Continua a leggere “La lingua più sensuale del mondo? L’italiano batte tutti gli altri idiomi”

Mittal-Invitalia c’è l’accordo. Torna lo Stato nella gestione delle acciaierie dell’ex Ilva

di Astolfo Perrongelli

Avrà avuto problemi a procurare, in piena pandemia, mascherine e guanti, ha avuto difficoltà nella distribuzione dei banchi di scuola con le rotelle.

Tuttavia, una cosa buona al super commissario, Domenico Arcuri, è riuscita. Ossia, chiudere la pratica delle acciaierie ex Ilva. Infatti, grazie anche ad Arcuri torna lo Stato nella gestione delle acciaierie dell’ex Ilva. ArcelorMittal e Invitalia (di cui Arcuri è un manager di primo piano) hanno firmato l’accordo che consente alla società controllata dal Mef di entrare al 50%, per poi

Continua a leggere “Mittal-Invitalia c’è l’accordo. Torna lo Stato nella gestione delle acciaierie dell’ex Ilva”

Padre Cantalamessa creato cardinale ma non è vescovo. “Voglio restare frate cappuccino”

di Astolfo Perrongelli

“Voglio restare frate francescano: cosa che difficilmente mi avrebbero permesso se fossi stato vescovo”. E Bergoglio lo ha accontentato. Padre Raniero Cantalamessa,

il predicatore della casa Pontificia autore di tanti libri, è diventato cardinale ma non vescovo. Nella storia ci sono stati diversi casi di cardinali laici, cioè che non avevano neppure ricevuto il sacramento dell’ordine nel grado minore del diaconato. L’ultimo con queste caratteristiche fu Teodolfo Mertel, fatto cardinale da Pio IX nel 1858: Giovanni Paolo II stabilì però che i cardinali designati dovessero ricevere

Continua a leggere “Padre Cantalamessa creato cardinale ma non è vescovo. “Voglio restare frate cappuccino””