Il vero amore più forte delle app di incontri. Lo dice uno studio dell’università di Ginevra

Nuovo anno in cerca di un partner stabile, con la pandemia ancora in corso che limita gli incontri dal vivo? Le app di incontri possono aiutare. Secondo una nuova ricerca

dell’Università di Ginevra, in Svizzera, non distruggono l’amore anzi possono essere utili a trovare il Mr (o la Mrs) Big, per citare la nota serie ‘Sex And The City’. Lo studio, pubblicato su Plos One, ha dimostrato che le persone che hanno incontrato i loro partner su app online hanno spesso obiettivi di relazione a lungo termine, come andare a vivere insieme o avere un figlio, più forti e che questi nuovi modi di incontrare le persone incoraggiano la miscelazione socio-educativa e geografica.

Continua a leggere “Il vero amore più forte delle app di incontri. Lo dice uno studio dell’università di Ginevra”

I luoghi del cuore si amano sempre anche quando generano amarezza e illusioni

di Giusva Branca

Sei stata tutto per me fin da ragazzino, ho creduto in te, ti ho creduta vittima della cattiveria di un mondo intero che non ti capiva, che non ci capiva. Ti ho difeso oltre il limite della ragionevolezza decantando una tua anima invisibile

e incomprensibile ai più. Ho vissuto con te i tuoi, i nostri momenti più bui, convinto che ne saremmo venuti fuori. Ho gonfiato il petto per la nostra storia, convinto che potesse tornare scintillante (ma ora dubito persino

Continua a leggere “I luoghi del cuore si amano sempre anche quando generano amarezza e illusioni”

La lieta storia di Marvin, il cane paraplegico, adottato dopo 3 anni e 2700 km di distanza

di Ettore Zanca

Questa è una storia che dimostra tante cose. Che l’amore di qualsiasi forma non ha distanze che tengano, che per quanto si sia sbeccati in anima e fisico, qualcuno che ci aspetta forse c’è, che i carnefici non sono sempre tali.

Ma andiamo con ordine. Marvin è un cane randagio che nel 2017 sta attraversando la strada a San Paolo del Brasile.

Continua a leggere “La lieta storia di Marvin, il cane paraplegico, adottato dopo 3 anni e 2700 km di distanza”