Passerà. Il 2020 sarà un ricordo e ne parleremo sorridendo e abbracciandoci

di Roberto Riccardi

Il 2020: Età delle distanze, Anno zero  Chi è nato in Italia nel 1900, giunto alla mezza età, aveva alle spalle due guerre mondiali, vent’anni di dittatura e un’influenza da milioni di morti. A noi è toccato il Covid, una falce che ha già mietuto migliaia di persone.

Ci ha congelati in una vita sospesa rubandoci il lavoro, la scuola, le relazioni, i viaggi, gli abbracci. Perfino i sorrisi sono dimezzati, le mascherine li rendono anonimi, solo la fronte e gli occhi esposti a chi ci guarda. Ne parleremo al passato quando torneremo a incontrarci liberamente, a stringerci le mani senza paura. A sorridere col viso intero e con il cuore.