Us, Trump: “Ho vinto se si contano i voti legali”. Ma le tv lo censurano. E Biden aspetta

di Astolfo Perrongelli

L’ondata blu alla fine è arrivata. Il voto tramite posta sta portando Joe Biden alla Casa Bianca. Il vice presidente obamiano viaggia come un treno ad alta velocità. Mentre il presidente Trump accusa i dem di brogli elettorali,

L’anchor della Msnbc interrompe Trump: “Dice il falso”

invia ispettori nelle sedi di scrutinio a Philadelphia e Detroit ma sono respinti indietro. Erano stati inviati per bloccare il lavoro ma non ci sono riusciti. Non solo, le accuse di quello che è considerato

il peggior presidente della storia americana, si sono dimostrate prive di fondamento. Al punto che anche il partito repubblicano ha di fatto allontanato Trump.

Infatti, non hanno alcuna intenzione di presentarsi davanti alla Corte Suprema, sebbene sia rappresentata a maggioranza da esponenti dell’elefantino. Ma, e qui siamo al clamoroso, Trump ha ricevuto un sonoro ceffone dai maggiori network televisivi mentre durante il discorso tenuto dalla White House strapallava ancora di brogli. Nel momento in cui ha affermato che “se si contano i voti legali ho vinto facilmente”, si è spinto ad affermare Trump,  Abc, Cbs e Msnbc hanno interrotto la trasmissione del discorso. Non solo:  l’anchor Brian Williams ha fatto anche un commento imbarazzante per il tycoon: “Ci troviamo ancora nella posizione inusuale non solo di interrompere il presidente degli Usa, ma anche di correggerlo”. Sempre durante il suo discorso, Trump ha dichiarato che “Il nostro obiettivo è proteggere l’integrità delle elezioni, non consentiremo che ce le rubino, che i nostri elettori siano silenziati”. Altra dichiarazione allarmante. Nel frattempo gli Usa dimostrano di essere sempre più divisi. In Arizona, poi, diverse persone sono scese in piazza mostrando pistole o fucili automatici, segno di quanto abbia marcato il territorio il linguaggio violento, arrogante e falso di Trump. Poco prima, altro tono, altri modi: Joe Biden, con una breve apparizione davanti ai media ha spiegato che “non ci saranno Stati rossi o Stati blu quando vinceremo. Ci saranno solo gli Stati Uniti d’America”. Insomma, parole da leader, da 46esimo presidente degli Stati Uniti d’America.