Facciamo ripartire l’Italia, facciamolo restando in vacanza nella nostra stupenda nazione

di Luigi Di Maio*

“Parliamo di fatti, di cose concrete. È una corsa contro il tempo, gli italiani hanno bisogno di riprendersi e noi dobbiamo ascoltare le loro richieste. Ad oggi siamo già intervenuti con provvedimenti che mirano a rimettere in moto la nostra economia.

Abbiamo concesso contributi a fondo perduto per le imprese danneggiate dalle misure restrittive dovute al covid, tagliato il cuneo fiscale per 16 milioni di lavoratori dipendenti, alle imprese diamo la possibilità di ottenere prestiti garantiti dallo Stato.

Poi c’è il superbonus al 110% sulle ristrutturazioni per l’efficientamento energetico e l’adeguamento antisismico, inoltre abbiamo eliminato le clausole di salvaguardia IVA (per evitare qualsiasi aumento). Abbiamo cancellato il pagamento del saldo e della prima rata dell’acconto Irap, abolito il versamento della prima rata Imu di giugno alle strutture alberghiere, eliminato la Tosap per bar e ristoranti che metteranno tavoli all’aperto per garantire il distanziamento tra persone. Nelle scorse settimane al ministero degli Esteri abbiamo siglato il patto per l’export, mettendo a disposizione quasi 1.5 miliardi per rilanciare l’export delle nostre aziende. Questi sono alcuni degli interventi straordinari già concretizzati, ma sappiamo bene che dobbiamo fare ancora tanto e di più. E ci stiamo già lavorando. Quest’estate tutti insieme facciamo ripartire il nostro Paese. Facciamolo anche rimanendo in Italia, scegliendo uno dei tanti posti incantevoli che tutto il mondo ci invidia. Viva l’Italia, sempre.

(Fonte Facebook)