Vacanze 2020, chi potrà permettersele, viaggerà in automobile oppure in treno

di Fabio Venditti

L’estate 2020 sarà in Italia, per chi potrà permetterselo, la meta estiva si raggiungerà prevalentemente in auto oppure in treno, per soggiorni in famiglia per lo più della durata di oltre due settimane.

Si afferma la voglia di on the road Made in Italy o in alternativa bagagliai pieni, automobili pronte e radio accese per raggiungere case in affitto per tutta la famiglia:

le vacanze nel 2020 preannunciano un ritorno al turismo fatto di viaggi su piccole distanze verso destinazioni locali da riscoprire. E’ questa la fotografia che emerge dallo studio “Le abitudini di degli automobilisti in viaggio” che ogni anno automobile.it, sito di annunci di auto usate, nuove, Km 0 e a noleggio di proprietà del gruppo eBay, realizza per comprendere l’estate degli italiani. La ricerca, realizzata analizzando i dati raccolti da oltre 500 rispondenti in tutta Italia, mette in luce alcuni aspetti molto interessanti, specialmente se confrontati con quelli del 2019. Sicuramente l’incertezza data dalla graduale riapertura post emergenza COVID-19 ha avuto ripercussioni sull’industria del turismo, nel 2019 a giugno il 46,4% degli italiani aveva già organizzato la propria vacanza contro il 31,7% del 2020. Si evince quindi una minore programmazione per la tanto sospirata vacanza estiva. Dalle risposte aperte si evidenzia anche che moltissimi italiani rinunceranno alle vacanze come attestato anche dalla recente indagine di Demoskopica che mette in luce che solo poco più della metà degli abitanti del Bel Paese si concederà il soggiorno estivo. Ciò, soprattutto a causa della situazione economica che vede da una parte molte aziende cercare di recuperare i mesi di lockdown anche ad agosto e quindi minore possibilità di ferie sia per chi le ha dovute smaltire durante i mesi di chiusura sia per chi, in cassa integrazione a maggio e giugno, preferisce risparmiare e restare in città.