Il partigiano Raf Vallone che sfuggì alle Ss. Non era un film

di Letterio Licordari

Fai il nome di Raf Vallone e la mente va subito a quei capolavori in bianco e nero del cinema italiano neorealista del dopoguerra intitolati “Riso amaro”, “Il cammino della speranza”,