Il decreto da 55 miliardi è un tampone per alleviare le ferite

di Michele Mezza

La metafora di questi tempi è sin troppo facile, ma la manovra economica del governo la rende obbligatoria. Il maxi decreto che finalmente ha preso forma nel gioco di spinte e controspinte, rivela e soccorre i punti di sofferenza del paese, cercando di mitigare il disorientamento di chi all’improvviso si è trovato senza risorse né possibilità di procurarsele.